lunedì 2 settembre 2019

La birra cruda, integrale e la birra non filtrata fanno male?

rischi birra cruda non filtrata

LA BIRRA CRUDA E LA BIRRA NON FILTRATA FANNO MALE?



Quali sono i rischi nel bere la birra cruda e non filtrata?
Vi è mai capitato di stare male dopo una birra artigianale?


Ultimamente vanno di moda la birra non filtrata e la birra cruda. Molti brand famosi hanno immesso nel mercato delle nuove versioni crude e non filtrate. Ma perchè?
Il marketing vuole fare passare il messaggio che queste tipologie di birre siano migliori, più saporite e buone. Ma siamo sicuri sia realmente così?

Partiamo dal presupposto che nella produzione di bevande, birra compresa, si utilizza il processo di pastorizzazione per garantire alle bevande una buona conservazione e caratteristiche igieniche ottimali. Birra cruda, significa che non è stata sottoposta a nessun processo di pastorizzazione.
Questo processo non modifica in nessun modo il sapore o le qualità della birra, ma è solo una norma igienica che garantisce che nella birra non ci siano batteri o microorganismi vivi.

A qualcuno di voi verrebbe mai in mente di comprare del latte non pastorizzato? Potreste anche farlo, ma probabilmente vi verrebbe una diarrea spaventosa dopo 2 sorsi e nella migliore delle ipotesi il latte andrebbe marcio nel giro di un giorno, proprio perchè tutti batteri presenti nel latte non sono stati uccisi dal calore della pastorizzazione. Lo stesso avviene nella birra cruda. Per questo la scadenza della brira cruda è molto più breve.  Inoltre, se ne bevete anche quantità moderate, può venirvi il vomito o la diarrea.
Birra cruda = possibili microrganismi al suo interno.

Quali sono i vantaggi di una birra cruda?

Nessuno. Il vantaggio è per il produttore, che risparmia soldi perchè salta un processo importante della produzione. Il bello è che vi fa pure credere che sia una cosa figa e che la birra sia più buona, mentre non è vero. Pastorizzare la birra è una garanzia di sicurezza, non farlo è come bere il latte che esce dalla mammella della mucca.
E badate bene che non stiamo parlando di sapore, infatti non pastorizzare la birra può peggiorare il sapore. La birra cruda, infatti, modifica il proprio sapore e le proprie proprietà organolettiche anche solo con il passare del tempo, proprio perchè la sua conservazione non è ottimale.

La birra cruda è anche, generalmente, birra integrale, cioè non microfiltrata. La mancata sottoposizione al trattamento termico e alla microfiltrazione lascia la birra integralmente ricca di lieviti e sostanze in sospensione. In poche parole il filtraggio rimuove tutti i residui inutili. Questo processo può modificare il sapore, ma l'opzione è bersi tutti i lieviti morti o impurità presenti nella birra. L'effetto torbido di queste birre è proprio perchè dentro c'è di tutto. Per fortuna il filtraggio si esegue dopo la pastorizzazione, ma nel caso di una birra cruda e non filtrata, le cose per il vostro stomaco potrebbero andare male. Sicuramente la digeribilità della birra ne risente se vi bevete tutti i residui. Anche in questo caso non filtrare la birra è un vangaggio per il produttore, che risparmia soldi evitandosi un passaggio.

Alcuni sostengono che la non pastorizzazione e la non filtrazione garantisca proprietà nutritive alla birra che altrimenti andrebbero perse. Anche questo punto è abbastanza una baggianata. Stiamo parlando delle proprietà nutritive di un lievito all'interno di un alcolico?
Sarebbe come parlare delle proprietà benefiche della lattuga all'interno del panino del McDonald: ridicolo.

Voglio precisare che parlare di birra artigianale non significa necessariamente parlare di birra non pastorizzata o non filtrata, infatti artigianale NON è sinonimo di crudo o non filtrato. Artigianale significa solo che il birrificio è di piccole dimensioni e il processo di produzione non è industrializzato. Tendenzialmente le birre artigianali sono anche crude e non filtrate proprio perchè servono macchinari costosi per eseguire questi processi, cosa che appunto queste ditte non fanno.
Questo punto è importante pechè molte fonti fanno credere che artigianale significhi utilizzare solo processi "naturali" o materie prime "biologiche". Tutto falso. Significa solo aziende piccole che non pastorizzano e non filtrano la birra perchè sarebbe un costo troppo elevato.

Concludo che ognugno beve quello che vuole, ma è importante valutare bene il reale vantaggio sul sapore che un processo di non pastorizzazione e filtrazione può aggiungere ad una birra, sopratutto in funzione del prezzo e sulla qualità finale.

29 commenti:

  1. Come si faccia ad essere così ignoranti non lo so.
    In ordine sparso:
    -La birra artigianale è per legge non microfiltrata e non pastorizzata
    -La pastorizzazione degrada in modo irrimediabile gli aromi della birra, favorendo le reazioni ossidative. La microfiltrazione meno.
    -Tipicamente non ci sono rischi nel bere una birra anche se mal conservata, perché la presenza di alcol 3 luppolo e il pH acido agiscono da conservanti
    -Produrre delle buone birre che siano stabili senza essere microfiltrate o pastorizzate è un processo molto difficile, che richiede di lavorare in condizioni tali da evitare ogni possibile contaminazione da microrganismi. Questo produce maggiori costi.

    RispondiElimina
  2. Bisognerebbe informarsi meglio prima di scrivere certe stronzate, ho forse lei è pagato da una multinazionale della birra per denigrare quella artigianale?

    RispondiElimina
  3. Se tu scrivessi per Libero non mi stupirei, le coglionate che scrivete sono sullo stesso livello...

    RispondiElimina
  4. Scommetto che percepisci la 104. Giusto?

    RispondiElimina
  5. Spero che sia in malafede, perché altrimenti è messo peggio dei coplottisti...
    Mai letto tante stronzate neanche negli editoriali di Feltri

    RispondiElimina
  6. Appurato che di birra scrivi, ma non sai di cosa scrivi e ti lasci andare a assurdità che non stanno ne in cielo ne in terre. il meglio lo dai con questa frase "A qualcuno di voi verrebbe mai in mente di comprare del latte non pastorizzato? Potreste anche farlo, ma probabilmente vi verrebbe una diarrea spaventosa dopo 2 sorsi e nella migliore delle ipotesi il latte andrebbe marcio nel giro di un giorno". Senza entrare nelle questioni tecnologiche che permettono al latte non pastorizzato di conservarsi per giorni (forse non sai che il latte prodotto da un animale sano appena munto viene considerato sterile? dimenticavo già sei un "esperto" di birra, mica puoi sapere tutto!) Quindi i distributori di latte "crudo" che trovi un po' ovunque sono sponsorizzati da "Imodium" noto farmaco antidiarrea? (allora c'è un complotto..uhm questo spiega tutto). Studia, informati e poi scrivi a ragion veduta, te ne saremo tutti grati.

    RispondiElimina
  7. Che non sai di cosa stai parlando lo hanno già scritto?
    Non meriti nemmeno che mi metto a scrivere il perché non hai capito un cazzo, per la superficialità e l'ignoranza contenuta in questo "articolo" (articolo?)

    RispondiElimina
  8. Ma sei un troll o solo un coglione?!

    RispondiElimina
  9. Mai pensato di modificare il dominio in iosonoidiota.com ? Sarebbe decisamente più onesto.

    RispondiElimina
  10. L'internet ha dato la possibilità a tutti di poter dire la propria, e questo è il risultato.
    Si stava meglio quando si stava peggio, vero?

    Vergognati pagliaccio.

    RispondiElimina
  11. questo coacervo di puttanate, non nuoce alla birra arigianale ma getta un ombra negativa sul attendibilità di qualsiasi altra cosa compaia sotto questo dominio

    RispondiElimina
  12. Sei la dimostrazione di come nasce la disinformazione. Vergognati, non solo perché non sai quello che dici ma perché fai finta di saperlo per fare disinformazione. Chiudi sto sito demmerd4

    RispondiElimina
  13. "di cosa si occupa tuo figlio?" "Di disinformazione"... C'è poco di cui andare fieri.

    RispondiElimina
  14. Mai lette una serie di bestialità concentrate come in questo scritto. Chiamarlo articolo lo eleverebbe.
    Non ti conosco, ma da quello che scrivi posso dire che sei solo un presuntuoso frustrato che cerca visibilità. Prima di vomitare buttanate a vanvera, leggi, apprendi (se ci riesci), acquisisci proprietà dell'argomento e poi, ma mooooooooolto poi, parla.

    RispondiElimina
  15. My gosh quante puttanate! Dimmi che lo hai fatto apposta!

    RispondiElimina
  16. Ma le fonti di questo "articolo" quali sono? tuo nonno con la Peroni in mano?
    Proprio vero che basta avere una tastiera in mano per eleggersi a professori...un minimo di studio magari servirebbe un pò a dire meno castronerie.

    RispondiElimina
  17. È chiaramente uno scherzo... Ma ti spaccherei la faccia cmq!

    RispondiElimina
  18. Dai trollata riuscita. Esci allo scoperto e ammetti che stai scherzando. Quante stronzate hai scritto?

    RispondiElimina
  19. Dopo aver letto poche righe mi è venuto un gran mal di pancia. Direi che quando si scrive un articolo un giornalista serio dovrebbe essere informato sull' argomento. Qui è evidente che l' ignoranza è ad alti livelli.

    RispondiElimina
  20. Se te incontro pe strada, giuro che te meno

    RispondiElimina
  21. Forse iotroll sarebbe stato meglio, bevila una birra ogni tanto, giusto per capire la differenza

    RispondiElimina
  22. Lascia perdere e continua a bere Corona. Ignorante!!!

    RispondiElimina
  23. C'è un girone all'Inferno per chi fa disinformazione scrivendo certe troiate . Le cose sono due: o sei un ignorante vergognosamente idiota, o sei pagato da qualcuno per denigrare la birra artigianale.

    RispondiElimina
  24. Sei un cazzo di genio

    RispondiElimina
  25. Ma quante cazzate hai messo insieme in questo articolo per me è un record!

    RispondiElimina
  26. Probabilmente non avete mai assaggiato uno yogurt, non è pastorizzato e contiene un sacco di microorganismi, ve lo Consiglio, così inizierete a capire molte cose

    RispondiElimina
  27. Mi sono ripromesso di non essere offensivo ed è stato uno sforzo enorme visto il coacerbo di "falsità " che hai infilato tutto in questo scritto.Fossi unionbirrai muoverei causa a te e a questo sito per diffamazione.

    RispondiElimina
  28. Tante ca**ate tutte assieme non pensavo potessero essere pubblicate neppure nel Fatto quotidiano di Travaglio o negli "articoli" di Scanzi, giornalisti noti per avere un pubblico di ritardati terrapiattisti...

    RispondiElimina