Terremoto: Il bestiame muore sotto la neve ma lo stato salva le chiese


Negli ultimi giorni la neve ha letteralmente coperto i territori colpiti dal terremoto.  Oltre agli abitanti in queste zone vivono numerosi animali, sopratutto bestiame, ma spesso non se ne parla.

Teoricamente erano stati stanziati dei fondi per far arrivare delle coperture temporanee per poter proteggere questi animali dall'inverno, una specie di stalle prefabbricate. Queste stalle però non sono mai arrivate e gli animali stanno morendo ricoperti dalla neve e dal freddo.

Ma si sa che in Italia le priorità sono altre: ovviamente è più importante mettere in sicurezza la basilica di Norcia rispetto alle case e alla vita degli animali. E' fondamentale investire soldi e risorse in un rudere che non ha nessun impatto immediato sulla vita delle persone.
Inoltre, la chiesa potrebbe venire ricostruita in seguito senza problemi, magari anche con risorse economiche del Vaticano, invece che ricevere dalla Santa Sede solo "preghiere" inutili.

Sono solo io schifato da queste cose oppure ritenete veramente che sia giusto comportarsi così?
La cosa oltraggiosa è che i media osannano pure l'operato della protezione civile che ha salvato una cavolo di statua, mentre lasciano tranquillamente morire gli animali per i campi. 

Commenti

Post più popolari

EverGreen Life: l'ulivo che costa caro e serve a poco