EverGreen Life: l'ulivo che costa caro e serve a poco

Evergreen life: fa veramente bene?

EverGreen Life: i reali effetti sulla salute

Partiamo dal presupposto che la medicina è basata su fatti e dati scientifici, quindi l'opinione del singolo non conta nulla. Questo significa che anche se c'è gente che dice che sta bene assumendo una certa sostanza, questo non prova che quella sostanza sia veramente efficace.


Diffidate sempre da chi dice "su di me ha funzionato" oppure "un mio amico sta bene dopo che lo ha preso", è come dire che se qualcuno vince al superenalotto, allora giocando vincerai anche tu.

Non è così che la scienza lavora, l'esperienza personale ha valore solo per eventi soggettivi, non certo quando si parla di efficacia di una sostanza o un principio attivo. Pertanto le testimonianze sono inutili, possono servire a quelli che credono nella Madonna o nei santi. Questo ovviamente vale in tutti i campi.
In questo articolo parleremo, infatti, solo di dati scientifici a nostra disposizione che provano o no, l'efficacia dell'infuso d'ulivo. Poi uno ovviamente può spendere i propri soldi come meglio crede, ma almeno che lo faccia consapevolmente.

 Qui sono riportati in un elenco tutti gli studi che, secondo i produttori, dovrebbero dimostrare l'efficacia dell'infuso di ulivo sulla salute umana. Tutti gli studi sono disponibili su pubmed (database scientifico), basta cercare gli autori e troverete subito l'articolo medico originale.
Analizziamoli insieme:

Premessa: L'oleuropeina è un polifenolo, questa sostanza tornerà fuori spesso in quasi tutti gli studi quindi è utile spiegarlo. Questa sostanza è il principio attivo principale dell'olio e delle foglie, ma è anche responsabile del gusto amaro. Se quindi i produttori sono riusciti a togliere il gusto amaro (come affermano), vorrei capire come siano riusciti a farlo senza alterare le proprietà chimiche di questa sostanza. Ad ogni modo supponiamo che ci siano riusciti e quindi le proprietà dell'oleuropeina siano rimaste.

Notare anche come abbiano malamente tradotto i titoli degli studi dall'inglese all'italiano (credo usando google tradutore), alterando in parte il significato stesso dello studio.

Studio circa il meccanismo dell’azione antimicrobica dell’oleuropeina  Autori: Juven B, Henis Y, Jacoby B Istituto: Divisione di Tecnica Alimentare, Istituto Volcani di Ricerche Agricole, Rehovot, Israele Anno: 1972
Questo studio molto recente (1972) spiega che questa sostanza ha effetti antimicrobici. Buono a sapersi, dato che mi pare molto difficile capire come questo possa essere utile ad un organismo. Forse posso usarla per lavarmi le mani al posto dell'amuchina, ma di certo ingerendolo non ne trarrei nessun vantaggio, anzi, per assurdo potrebbe uccidere la flora microbica del mio intestino e farmi venire la diarrea, come capita con i veri antibiotici. I tre studi successivi riportati parlano della stessa cosa, quindi sono comunque inutili per l'organismo umano a meno che non ci interessi curare una infezione localizzata non si sa dove. Attività contro HIV virus dell’ estratto di foglie di olivo Autori: Bao J, Zhang DW, Zhang JZ, Huang PL, Lee-Huang S Istituto: Facoltà di Chimica, Università di New York, New York USA. Anno: 2007

Questo studio un po più recente parla dell'HIV, quindi se non avete l'HIV di base non vi interessa, ma vediamo cosa dice in realtà:
Il testo completo dello studio lo trovate qui e non si menziona assolutamente ad una attività contro l'HIV, ma solo dell'interaizone tra una molecola del virus (gp41) con l'oleuropeina, affermando che potrebbe avere un ruolo nel meccanismo di adesione e che sarebbe opportuno fare ulteriori studi a riguardo. In poche parole non si dimostra nulla.
Lo studio successivo analizza invece gli effetti di un'altra sostanza presente nell'ulivo, l'idrossitirosolo, sull'influenza A (il testo integrale dello studio lo trovate qui).
Prima di tutto gli studi sono in vitro e non in vivo, quindi mai eseguiti su essere umani (il che dovrebbe bastare per capire che non dimostra ancora nulla), ma le conclusioni dello studio affermano che tale molecola altera la struttura del virus, ma non dice che si guarisce dall'influeza, quindi inutile come gli studi precedenti.
Adesso iniziano una serie di studi sulle proprietà antiossidanti, le uniche a mio avviso che abbiano effetti positivi per la salute.

Escludiamo a priori gli studi in vitro, che sono parecchi, perchè a noi non interessa cosa fa una sostanza dentro una provetta, ma ci interessa cosa fa al nostro corpo umano nella sua interezza.

Sicuramente l'oleuropeina è un antiossidante, ma sono sostanze che sono praticamente presenti in ogni vegetale. Per dire in una spremuta d'arancia abbiamo sicuramente più antiossidanti che dentro l'ulivo.


Valutiamo quindi gli studi dove si ipotizza che gli antiossidanti dell'ulivo abbiano efficacia o effetti superiori ad altri antiossidanti presenti in altri vegetali: semplice, non esistono.

questo studio ad esempio Potenziale Antiossidante/Anticancro dei composti fenolici isolati dall’olivo non dimostra nulla se non che gli antiossidanti possono avere un ruolo benefico per i tumori. Grazie al muzzo, tutti gli antiossidanti hanno degli effetti benefici. Perchè dovrei spendere dei quattrini quando posso mangiarmi un limone e con un ventesimo del costo avere gli stessi effetti?
Uno degli studi più interessanti è questo L’Oleuropeina previene le Lesioni del Miocardio indotte da Ischemia, sapete però cosa non scrivono? Che i test sono stati fatti solo sui topi e comunque sono studi non significativi dal punto di vista dei risultati. Questo significa che non è dimostrato che l'ulivo sia più efficace di un qualsiasi altro vegetale ricco di antiossidanti, come un pomodoro o qualsiasi altro frutto. Concludendo, se vi piace il prodotto per il gusto, il disegno dell'etichetta, perchè il venditore è bravo e bello o perchè volete spendere senza criterio i vostri soldi, fatelo pure, ma personalmente con quei soldi vi conviene farvi una bella spremuta. Ps: a me non interessa questa azienda in particolare, infatti, ci sono numerosi prodotti con altri marchi pieni di "sostanze miracolose" che fanno guarire qualsiasi cosa, a me interessa dimostrarvi che leggendo attentamente i risultati scientifici e basandosi sui fatti, ovvero senza ascoltare le inutili opinioni personali, è possibile valutare se un prodotto vale la pena di essere acquistato oppure no.

Commenti

  1. Puttanata galattica legata al multilevel marketing .. solo i pirla ci possono cadere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sarò una pirla...ma felice...visto la medicina convenzionale mi aveva fatto perdere il lavoro...non trovando alternative alla morfina.....oltretutto poco efficace dopo 20 anni di assunzione.........oggi sto bene....non uso farmaci da 2 anni..grazie alle foglie d olivo. .che non a caso gli alberi d olivo vivono oltre 4000 mila anni..forse qualcosa di più c è l hanno..rispetto ad altri alberi.....non sono guarita..ovviamente dalle malattie auto immuni non si può guarire..ma se ho giornate particolari uso dosi più alte di olife e sono rinata...basta farmaci...quindi degli studi mi ci pulisco il ....... ...io penso a stare bene...fortuna sono stata una pirla e ho provato

      Elimina
  2. Bravo all'autore: una ineccepibile analisi di un prodotto "miracoloso" ma inutile per la salute come il vecchio "fungo cinese"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averlo letto :)

      Elimina
  3. Ho letto con attenzione l articolo e concordo che in"vitro"e su "cavia"non è "in vivo"e sulla mia pelle,quindi mi chiedevo se x valutarlo appieno criticamente l autore lo avesse provato per qualche mese su se stesso..sarei curiosa di sapere se in vivo e su di lui,soggetto assolutamente obiettivo,possa dare delle opinioni veritiere,non soggetto a effetto placebo o quant'altro che una mente fragile magari potrebbe avere.ritengo cmq che neanche questo possa avere alcuna valenza scientifica,un avvenimento pos o neg nell ambito sperimentale non conta se nn riproducibile se nn sbaglio.attendo nuove.grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti, la scienza non funziona di certo con le esperienze personali. Anche se avesse degli effetti placebo non è tramite il singolo che lo si dimostra, ma con uno studio clinico che appunto certifica e analizza statisticamente i risultati ;) Io ho solo analizzato le basi delle loro affermazuoni, constatando che non hanno basi per essere confermate

      Elimina
  4. La pretesa che la scienza attuale sia in grado di dimostrare tutto è, quantomeno, illusoria. Gli scienziati con un certo grado di razionalità, intelligenza e onestà affermano che la scienza è in grado di spiegare, nella migliore delle ipotesi, il 5% di quanto sta intorno a noi. Domanda: se ciò fosse vero dobbiamo dare più credito al 5% conosciuto o a quello che non concosciamo? In secondo luogo: le pretese ed asserite prove di laboratorio non posso riprodurre, invece, le reazioni di un corpo che oltre al fisico vive in funzione sia di uno stato emotivo sia di uno stato intellettivo. Domanda: non è forse vero che la psiche/mente influenza la conduzione fisica del corpo? Se qualcuno dei cosidetti scienziati di laboratorio dicesse di no, sarà opportuno che si leggano e memorizzino le infinite prove contrarie ottenute in tutti i laboratori del mondo. Concludo: ammettere che tutto si riduca alle famose evidenze scientifiche significa mettersi gli occhiali da sole per non vedere la realtà delle cose. Oppure per interesse personale; la qualcosa è ben più grave in quanto noi, figli dell'Illuminismo e della Razionalità, abbiamo dato tutta la nostra fiduxia alla scienza, ma che non sia usata per scopi personali ma per l'evoluzione della specie umana verso la comprensione di tutto quanto noi vediamo e sta intorno a noi. Ed oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio il 5% certo che il 100% cazzata come questo commento

      Elimina
    2. Mi sa che la cazzata l'hai detta Tu col tuo 5%

      Elimina
  5. Pienamente d'accordo. Siamo alle solite: mentre camminiamo e guardiamo dove mettiamo i piedi, ci arriva un vaso in testa; mentre guardiamo in alto per non prenderci il vaso in testa, ci inciampiamo...
    In ogni caso è la somma delle esperienze personali simili tra loro, quando supera la famosa soglia critica, che dà luogo ad una regola, ad un'accettazione generale, che avviene automaticamente. La scienza non è la ricerca di quello che già sappiamo, ma di quello che siamo ( e questo, purtroppo, facciamo finta di essercelo dimenticato)
    P.S. servono almeno due kg. di limoni al giorno come antiossidanti: non è poi così economico (circa 6/7 euro al giorno)

    RispondiElimina
  6. Il gusto amaro delle foglie sul prodotto Olife viene camuffato dall'estratto acquoso di calendula, il fruttosio e dall'acido citrico (succo di limone ad es.).
    Ecco gli ingredienti del composto Olife: Ingredienti: Estratto acquoso di foglie di Olivo (Olea Europea L.), estratto acquoso di Calendula fiori (Calendula Officinalis L.), fruttosio, glicerina, potassio sorbato, acidificante: acido citrico, aromi naturali.
    Io ho provato a farlo in casa con un bassissimo costo (rispetto ad Olife) aggiungendo l'estratto acquoso di fiori di Calendula (reperibile in parafarmacia) e del succo di limone.
    Ma anche solo la "tisana" di foglie di olivo è curativa ed è un rimedio utilizzato da tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna anche dimostrarlo, non basta dire "è curativa"

      Elimina
    2. Concordo con la Sig.na Elena, anche io ho provato a farlo in casa con le foglie del mio olivo. Premetto che assum0 le pillole per ipertensione e da pochi mesi ho dovuto addirittura aumentarle. Qui ho deciso di provare tanto male non doveva fare. Non so a livello di antivirus o antibatterico, ma di sicuro come rimedio per l'ipertensione funziona, come rimedio per la glicemia funziona. Da quando assumo regolarmente 2 volte al giorno il decotto sono ritornato a prendere la pillola che prendevo due anni fa (la più bassa). Non sarà un rimedio a dire vostro efficace ma a me pur di non prendere il diuretico per far abbassare la pressione preferisco prendere il decotto che in più mi ha anche abbassato la glicemia quindi meglio di così. In più finora non ho avuto nessun malanno eppure per lavoro ho preso tanta di quell'acqua, neve e freddo che mi sono detto meno male. Poi siamo sotto il cielo. Per me ha funzionato al di là delle vostre ricerche.

      Elimina
  7. Buongiorno a tutti! Le foglie d'ulivo sono un rimedio antichissimo, non una cura. Quando si assume Olife si parla di trattamento, non di cura. Ci sono oltre 16.500 studi scientifici che dimostrano i benefici delle foglie d'ulivo e potete rendervene conto da soli facendo una piccola ricerca su internet. Personalmente ritengo che farsi un decotto di foglie d'ulivo a casa non sia molto comodo, non ne avrei proprio il tempo e la voglia, pertanto acquistare un integratore come Olife è un modo per assumere l'infuso senza troppi problemi. Non si parla di un prodotto miracoloso, ma della pianta più longeva e resistente in assoluto da cui l'uomo ha sempre cercato di trarre beneficio per sé. Ovviamente, come tutti i prodotti naturali, anche le foglie d'ulivo hanno bisogno di un tempo di azione che rispetti il rinnovo cellulare del nostro organismo (ecco perché bisognerebbe assumere Olife dai 3 ai 6 mesi senza interrompere il trattamento, per accorgerci fisicamente dei suoi benefici).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Non sono proprio del tutto daccordo, in quanto farsi un decotto ci vogliono una mezzoretta dalla raccolta alla bollittura e poi bisogna aspettare che si raffreddi. Se si ha una pianta coltivata in modo biologico si può provare. Sono daccordo che si parla di trattamento e non deve essere sostituito ai medicinali o alla dieta mediterranea (perfetta)

      Elimina
  8. Peccato non sapere che l'infuso di foglie di ulivo è stato testato sugli uomini.
    Magari nessuno sà come vengono fatte le certificazioni dal ministero della salute......

    RispondiElimina
  9. Buonasera a tutti.
    Sono imprenditore da 20 anni e so quanto sia difficile stare nel mercato.
    È sentire certe cose mi fa pensare quanto invidioso sia la soecie umana e senza prove scientifiche. Si perché io sono uno di quelle persone che dopo essersi informato adeguatamente sul prodotto Olife, l ha provato e ha risolto parecchi problemi, tra cui colesterolo, trigliceridi, fibrillazione atriale, prendevo coumadin.
    In etichetta, Olife (leggo dalla bottiglia)riporta :
    Metabolismo dei lipidi e dei carboidrati
    Regolarita della pressionr arteriosa
    Normale circolazione del sangue
    Antiossidante

    Sapete cosa sono questi?
    Si chiamano Claims, e per poterlo scrivere, il Ministero della salute italiano, deve approvarlo.
    Per approvarlo deve dare la garanzia scientifica che quello che verrà scritto e dimostrabile appunto scientificamente.
    Domanda:
    Secondo voi il ministero della salute italiano approverebbe una cosa che non si può?
    È secondo voi lo farebbe anche la FDA , Corrispondente Ministero della salute degli Stati Uniti d'America, uno dei piu difficili da superare ?
    Ma perpiacere!
    Sapete quante aziende di network ci sono in italie?
    Migliaia,
    Sapete quante hanno ottenuto il riconoscimento da Avedisco (associazione vendita diretta servizio consumatore), in cui serve almeno il 75% di soddisfazione da parte dei clienti intervistati dall'associazione ?
    Ce ne sono solo 38, e guarda il caso c'e anche Evergreenlife, su migliaia...che strano ...e col 98% di indice di gradimento.

    No bravi, di piu. Magari fosse mia un'azienda cosi.

    Se poi ad uno non piace il network marketing, o semplicemente ha sempre fatto un buco sull' acqua e cerca scuse, questo è un altro discorso. Ma resta comunque il miglior sistema distributivo a livello mondiale visto che permette al cliente di aver accesso alla scontistica sui prodotti, cisa che nel tradizionale invece se lo prendono tutti i vari passaggi assurdi, e la pubblicità basata non sul passaparlop sano ed efficace, ma semplicemente sul fatto di avere tanti soldi investiti in costi pubblicitari e non sul prodotto, cosa che invece Olife dimostra di avere.
    Per ogni affermazione mi sono ampiamente documentato e posso risponderne.
    info@laruotabio.it
    3403304514

    RispondiElimina
  10. Ho provato Olife e dopo qualche giorno ho cominciato ad avvertire problemi di reflusso e gastrite che non avevo da due anni !..Piu' di un erborista mi ha confermato che l'assunzione del prodotto a stomaco vuoto puo' avermi creato infiammazione (a soggetti piu' sensibili puo' succedere )..quindi esperienza piu' che negativa !



    RispondiElimina
  11. Il Ministero della Salute approva tantissimi prodotti, non serve avere la sua certificazione perche' sia una garanzia,viene venduto come Acqua di Lourdes e cosi' non e' !!

    RispondiElimina
  12. Se fosse cosi' miracoloso non pensate che anche i medici lo conoscerebbero e lo consiglierebbero ?..Nessun medico lo nomina e ne parla !

    RispondiElimina
  13. Ovviamente ai medici non conviene consigliarlo perché l'industria del farmaco rende molto di più!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari